Michele Civita (02/02/2018)

In questi anni si è superato il deficit accumulato e il disavanzo, che ogni anno sbilanciavano la sanità nel Lazio. Si è fatto con una politica di risanamento serio, con nuove regole e programmando il futuro. Con la fine del commissariamento, secondo l’assessore, si può aprire una pagina nuova per la sanità del Lazio, affrontando i problemi delle liste d’attesa, dell’utilizzo pieno e della modernizzazione delle nostre strutture sanitarie. Oltre alla stabilizzazione di 700 precari e assunzioni fino a 3.500 nuovi lavoratori.