La posizione del segretario della Lega sui dazi e il protezionismo di Trump: "Io sto con Trump. Lui difende l'industria americana, vuole salvare i posti di lavoro. Tutti lo attaccano; io invece voglio fare in Italia la stessa cosa, si possono mettere i dazi", afferma a Mattino Cinque. E aggiunge: "È troppo comodo licenziare a Milano e aprire in Romania o in Cina per poi rivendere nei nostri supermercati. Se lo vuoi fare paghi di più. Ce ne sono già di dazi dell'Ue su alcuni prodotti ma ci sono tanti settori, come la ceramica o il tessile, che non sono stati difesi dai governi italiani impegnati, male, per esempio sulle banche".